Skip to content

HPL (repliche estive)

20 agosto 12011

riciccio dall’hard-disk
un
post di tre anni fa

Giusto per ricordare un anniversario. Il 20 agosto 1890, nel “profondo New England”, nasceva Howard Phillips Lovecraft. Scrittore dell’inquietante, ancor più inquietante vederlo sorridere nella foto. Uno dei capisaldi della mia biblioteca (e incidentalmente, anche della letteratura fantastica in generale)

Il primo suo racconto che lessi fu Colui che sussurrava nel buio, in un vecchio Urania della dotazione casalinga, con oscura ed evocante copertina di Karel Thole (che come ho già detto altrove, era un genio che andrebbe riscoperto)

Lo lessi d’un fiato, in una calda sera d’estate a finestre aperte. Ma le ultime pagine mi fecero venire i brividi lo stesso. E ogni volta che l’ho riletto, se commettevo l’errore di leggerlo a tarda ora potevo scordarmi di prender sonno. È da un po’ che non il coraggio di riprenderlo.

Potrebbe essere il momento buono per un revival, in questi giorni dormo come un ghiro…


Advertisements
4 commenti leave one →
  1. 24 agosto 12011 09:02

    Fantastico HPL. Quando mi passò la nausea verso la lettura provocatami alle superiori dalla professoressa di italiano (una tipa bigotta e rigida) fu uno dei primi autori di cui lessi quasi tutto (laltro era Poe)

  2. 24 agosto 12011 10:32

    Sull’odio per le letture e per i libri derivante dalla scuola purtroppo è già stato detto e scritto 🙂
    Prima o poi dovrò riprovare sul blog la mia campagna di rivalutazione dei Promessi sposi 😀

  3. 24 agosto 12011 10:40

    No, i promessi sposi no…. quelli proprio non li reggo e non son mai riuscito a liberarmi dell’impressione che siano il seme che ha dato vita alle collane stile harmony 😀

    Comunque, come se fosse una sorta di esorcismo dell’antilettura, fu proprio dalla biblioteca della scuola che presi in prestito i primi libri su HPL e Poe quando mi tornò la voglia di leggere

  4. 24 agosto 12011 01:03

    eh eh ovviamente siamo in pieno disaccordo sul romanzone, ma non finisce qui… 😉

    chissà se qualcun altro oltre a te aveva già letto i due classiconi dell’orrore a scuola (e complimenti a chi aveva messo HPL nella biblioteca, Poe è già più facile da trovare fra i banchi o fra le antologie, mentre il solitario di Providence latita…)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: