Skip to content

Non ti aspetto

4 novembre 12010

(oops… lo avevo scritto per pubblicarlo domenica, invece ho cannato istruzione e mi accorgo  solo ora che ho già pubblicato il post… okappa, un paio di correzioni e via…)

Bon colp de falç dei catalani: oggi (giovedì 4) si avrà un primo happening della campagna Jo no t’espero!: donne che ad alta voce si autodefiniranno zorras e pecadoras (cagne e peccatrici, per tradurre delicatamente), coppie omosessuali e non che si abbandoneranno a baci e romantiche effusioni, e il tutto per prepararsi alla visita della papessa Benito XVI che domenica sarà a Barcellona per la consacrazione della comunque per molto tempo futuro non ancora ultimata Sagrada Familia.

Visita per la quale, ¡ay, caramba!, nella capitale catalana ci sono ancora un quinto delle camere d’albergo vuote… certo che con il polacco queste cose non succedevano… 😉

Addenda: un articolo del manifesto di venerdì 5 (meglio che non scriva più avverbi come oggi, ieri, domani che faccio solo casino… 🙂 )

IL PAPA TEDESCO DOMANI IN SPAGNA

Proteste contro il grande inquisitore

Come nelle altre sue visite all’estero, anche in Spagna sono iniziate ieri manifestazioni e proteste contro l’arrivo, di Benedetto XVI (foto), che sabato sarà a Santiago de Compostela «come pellegrino» e domenica a Barcellona per consacrare la basilica della Sagrada Familia di Gaudì. I movimenti laici, atei, omosessuali, liberi pensatori, anticlericali riuniti nel collettivo «Eu nom te espero» e «Jo no t’espero» (Io non ti aspetto, in galiziano e catalano), hanno convocato per ieri sera una prima manifestazione di protesta in piazza Sant Jaume, nella città vecchia di Barcellona. Altre sono attese fino a sabato e domenica nelle capitali di Galizia e Catalogna. Presentata anche una denuncia penale contro Ratzinger per aver coperto gli abusi sessuali sui minori. Il collettivo chiede fra l’altro la fine degli accordi fra stato spagnolo e chiesa e «la trasparenza» sui costi dei viaggi del papa di adesso e del 2011 a Madrid che toccherebbero quasi 30 milioni di euro. I municipi di Santiago e di Barcellona hanno però fatto sapere di prevedere forti ritorni economici: 30 milioni dalla visita in terra catalana e l’arrivo nella città galiziana (che conta 100 mila abitanti) di 200 mila «pellegrini». Il premier Zapatero, come già nel 2006 in occasione della prima visita del papa tedesco a Valencia, non assisterà alla messa nella Sagrada Familia, ma lo incontrerà domenica pomeriggio all’aeroporto barcellonese di El Prat prima della partenza. A ricevere il papa sabato a Santiago ci saranno il principe ereditario Filippo e signora, il vice-premier Rubalcaba, più tardi arriverà anche il turno del leader dell’opposizione Mariano Rajoy, grande sostenitore delle campagne oscurantiste «per la vita e la famiglia» e contro «il laicismo» del governo socialista, promosse dalla reazionaria chiesa spagnola. Domenica a Barcellona Ratzinger incontrerà il re di Borbone e signora.


 

Advertisements
2 commenti leave one →
  1. 7 novembre 12010 10:53

    Il TG5 s’è affrettato a precisare che i manifestanti rappresentano un “stretta minoranza della popolazione”. Che, non si sa mai, in Italia si potrebbe pensare altrimenti d’essere gli unici a fare i pompini al sig. Joseph Ratzinger e qualcuno potrebbe cominciare anche a chiedersi il perchè.
    Maremma maiala!

  2. 7 novembre 12010 11:03

    su El pais di oggi un paio di articoli che parlano della scarsa folla e dei quartieri di Barcellona blindati…

    http://www.elpais.com/articulo/espana/visita/Papa/Santiago/cumple/expectativas/publico/elpepuesp/20101106elpepunac_6/Tes

    http://www.elpais.com/articulo/espana/Papa/llega/Sagrada/Familia/recorrido/aglomeraciones/elpepuesp/20101107elpepunac_1/Tes

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: