Skip to content

Celo, celo, manca…

7 ottobre 12010

Ultimamente, avendo ormai gli scaffali ricolmi di libri, quando esce il nome del premio Nobel per la letteratura la mia reazione non è più «Chi?», o perlomeno non sempre.

Mario Vargas Llosa, quantomeno, lo avevo già sentito nominare, anche se temo di non aver letto mai niente di suo. Giuro che da qualche parte, sepolto sotto i volumi crollati per bradisismo, ho una vecchia copia comprata sulle bancarelle e colpevolmente mai aperta di Zia Julia e lo scribacchino. Faccio voto di leggerlo (se lo ritrovo…)

Noto che come sempre col Nobel letterario, chi entra papa in conclave ne esce cardinale: con buona pace dei supporter di Tomas Tranströmer o di Ngugi wa Thiong’o: benché in questo caso oltre a non conoscerli avrei avuto anche dei problemi a pronunciarne il nome, sembravano comunque scelte interessanti.

Però, dannazione, io sono anni che faccio inutilmente il tifo per Philip Roth…


 

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: