Skip to content

Eris vs Xena

27 settembre 12008

Mi ero appassionato (un po’ da nerd, lo confesso) alla diatriba astronomica di qualche tempo fa che ha finito col “declassare” il povero Plutone dallo status di pianeta a quello, un po’ meno prestigioso, di pianeta nano. Oggi ho letto sul sito del Corriere che uno dei tanti oggetti transnettuniani “fratelli” di Plutone, ha avuto un battesimo ufficiale: il “nuovo” pianeta nano, dalla forma non troppo sferica, si chiamerà Haumea, dal nome di una divinità hawaiiana.
In realtà, Haumea aveva già un nome, anche se non ufficiale: essendo stato scoperto introrno a Natale, era stato chiamato per lungo tempo Santa, come Santa Claus. E una delle sue due lune aveva il nome col quale gli statunitensi conoscono la renna “capo” fra quelle che tirano la slitta, cioè Rudolph. (il satellite ora si chiama Hiʻiaka, nome sempre ispirato dalla mitologia hawaiiana)

Spinto dal ritrovato spirito astro-nerd ho proseguito la ricerca, fino a fare una scoperta…

Nel mio vecchio blog ormai chiuso, avevo dedicato un paio di post alla diatriba astronomica già accennata, e a proposito di uno dei pianeti senza nome ufficiale scrivevo

Sorvoliamo gli evidenti motivi terreni per i quali mi piacevano i telefilm di Xena. La carne è debole, e anche lo spirito ha i suoi problemi.

Mi auguro che la principessa guerriera ritorni all’onore delle cronache grazie all’assemblea generale dell’Unione Astronomica Internazionale che in questi giorni, a Praga, sta rivedendo la definizione di pianeta.

[…]

2003 UB313, un po’ più grande e più distante di Plutone, dal nome ancora anonimo e poco evocativo, che però qualcuno ha già cominciato a chiamare (non ufficialmente) Xena, proprio in onore del personaggio televisivo. Scelta dettata dalla volontà di di istituire anche nella nomenclatura astronomica una sorta di quote rosa, dato che a parte Venere e Terra (e prossimamente Cerere), i pianeti veri e propri hanno tutti nomi mitologici maschili; inoltre, poiché si pensava che questo potesse essere il decimo pianeta, quello che l’astronomo Lowell aveva definito pianeta X, si voleva un nome avente appunto lettera iniziale X; la qual cosa ha reso la ricerca un po’ difficoltosa, costringendo i ricercatori ad abbandonare le opere dei classici e ripiegare sui miti odierni.

Hélas, la carne (e lo spirito) degli astronomi è evidentemente più salda della mia (sai che notizia), visto che ormai il nome ufficiale di 2003 UB313 è, come anche Wiki mi confema, Eris. Peccato. confesso che un po’ ci speravo, ad avere Xena nel firmamento.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: