Skip to content

Noche madrilena

18 luglio 12008

Lacrime. Copiose. Una voce femminile impastata dal pianto. Un borbottìo, una voce maschile. Ancora qualche singhiozzo. Altri borbottìi. Decisamente in questo hostal che ho scelto per le tariffe economiche, le pareti sono troppo sottili. Non distinguo le parole, ma sento comunque tutti i discorsi della camera accanto.

Smetto di leggere la guida del Madrid Oculto comprata oggi. Spengo la luce, tiro giù una bestemmia per il crampo al polpaccio che cerca di farsi strada. Allarme rientrato, per fortuna. Così imparo a camminare tutto il giorno per la città in lungo e in largo.

Gemiti. Ansimare. Rumori indistinti. Evidentemente la crisi di pianto è passata. Complimenti al caballero che a quanto pare ha saputo fare opera di convincimento. I gemiti continuano. Ho capito, per ora non si dorme. Meglio accendere la TV per evitare la colonna sonora a luci rosse.

Mentre nell’edizione notturna del telegiornale Zapatero colloquia con la Betancourt, una voce maschile esclama «¡Ay, que culo guapo!» a volume decisamente più alto, tant’è che la frase arriva forte e chiara. Credo (e onestamente spero) che non si riferisca alle scarse rotondità di Ingrid e tantomeno a quelle di ZP.

Cerco di seguire la storia del concorso per aspiranti esaminatori di autoscuola: oggi erano in protesta a Puerta del Sol, chiedevano l’annullamento dell’ultimo concorso statale. Pare che alcune domande fossero se non proprio fuori tema, almeno fuori di testa, tant’è vero che se ho ben capito neanche gli esperti ufficiali conoscevano la risposta. Ad esempio, a che velocità viaggia una carrozza a cavalli?

A proposito di cavalcate, dal boudoir erotico a fianco si sente un rumore di mobili spostati. Dopo qualche tempo arriva una voce femminile che si lamenta «¡Oy… oy, mi pobre culín!». Un insaziabile macho, si direbbe.

Il meteo promette per domani, anzi ormai per oggi fra qualche ora, un’altra giornata intorno a 32°. Meno male che a Madrid c’è vento.

I gemiti sembrano cessati. Ah, no, riattaccano. A ritmo sostenuto, vai che dovremmo essere alla fine. Il suono di una manata, suppongo sul culo guapo di cui sopra, accompagnata da un’altra esclamazione «¡Gozas, mi chavala!». Godi, bambola. O qualcosa di analogo. La voce femminile stavolta reagisce, ma non sembra aver apprezzato, distinguo bene le parole cerdo e imbecil. Porco e imbecille. E dopo poco il silenzio cala sulla stanza. No, la chica non sembra aver gradito la performance.

Lo spettacolo è finito. Spengo il televisore. Un lungo sospiro, questa volta sono io che mi rilasso. Buenas noches.

(Dal diario di una recente vacanza a Madrid)

Annunci
2 commenti leave one →
  1. 18 agosto 12008 11:41

    Ciao!
    Che bello il tuo post su Madrid!
    Mi spiace che non abbia dormito molto ma secondo me era un segno che ti diceva che non dovevi andare a dormire ma fuori in giro a far festa perchè Madrid più che da vedere secondo me è da vivere! Io ci vivo da quasi un anno e sinceramente ci sto benissimo! Si vive bene qui, la città è bellissima, la gente un encanto e poi sinceramente….non ci vuole molto a star meglio che in Italia secondo me, ma qs è un’opinione personale!
    E vabbè, se torni a Madrid fatti sentire, ha la mia mail, magari ti consiglio un altro hostal barato…e un pò più silenzioso! ;o)
    Un beso

  2. 18 agosto 12008 11:59

    Grazie per il cortese invito 🙂 anche se purtroppo non potrà essere sfruttato nel futuro prossimo 😦
    Sono convinto che Madrid sia favolosa, anche e soprattutto di notte; in quei pochi giorni me ne sono comunque innamorato 🙂
    E tutto sommato anche una notte come “quella” ci può stare in vacanza 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: