Skip to content

A tavola coi terroni

23 giugno 12008

Inter gravissimas il nostro parlamento si trova ad affrontare il problema della Dieta Mediterranea: non per quel che concerne i trigliceridi dei parlamentari, ma per sostenere l’inserimento della sunnominata dieta nel «patrimonio culturale immateriale dell’umanità»

Si prevede un’alleanza fra Italia, Spagna, Grecia e Marocco per proporre all’Unesco la candidatura.

Per l’esattezza (dal corriere.it)

Si chiede tra l’altro che venga predisposto un piano di interventi con risorse specifiche da prevedere nella Finanziaria 2009. Tra gli interventi, la compilazione di un inventario degli alimenti e poi educazione dei cittadini, promozione di studi e ricerche scientifiche e creazione di un organo per la Dieta

Il corriere non riporta gli eventuali commenti dei legaioli, che dubito siano entusiasti di una tale alleanza fra noi terroni mediterranei; oltretutto gli ex-pagani del fiume Po (al momento crociati della cristianità) in questi casi cianciano la superiorità della polenta padana. Qualcuno che ha tempo (e voglia) dovrebbe spiegargli, fra le altre cose, che i loro trisnonni celti la polenta non l’hanno mai vista neanche di striscio dato che il mais ci arriva dritto dritto dalle Americhe. Ah, mi raccomando, in loro presenza meglio chiamarlo mais: se scoprono che fra i tanti sinonimi della pianta ci sono “grano turco” e “grano siciliano”, sono capaci di rinnegare anche la farina gialla.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: