Skip to content

La morte segreta delle api

5 maggio 12008

Sono stato a trovare un parente apicoltore che mi regala il miele, e mi ha detto che ormai ad ogni inverno gli muoiono un paio di alveari. Pare proprio che le api ci stiano abbandonando, non si sa bene se a causa di parassiti, inquinamento o sfiga cosmica. È un problema ecologico riconosciuto.

Diceva Einstein che quando si estingueranno le api, all’umanità rimarranno solo altri quattro anni prima di scomparire.

Quel giorno non mi sono messo a contare gli alveari rimasti, ma comincio ad avere un po’ di apprensione e ogni volta che verso un cucchiaino di miele nel caffè sento un brivido freddo. A volte accompagnato da un lontano e debole ronzio.

Spero sia solo un calo di pressione.

Annunci
6 commenti leave one →
  1. 19 maggio 12008 11:31

    esiste una spiegazione per questa correlazione? Anche io ho sentito questa voce…

  2. un cugino di Adamastor permalink*
    19 maggio 12008 11:49

    Oseresti dubitare di Einstein? 😀
    Non ho trovato il brano originale dal quale è stata tratta la frase; né ho trovato giustificazioni “ufficiali”, a parte la considerazione banale che se sparisce una specie così vicina e legata all’uomo vuol dire che le cose non stanno andando troppo bene neanche per noi… 😦
    Continuerò comunque la ricerca…

  3. 3 giugno 12008 02:54

    basta guardare come vanno le cose in Campania 😦 …

  4. un cugino di Adamastor permalink*
    3 giugno 12008 02:56

    Triste verità… lì fra poco oltre alle api moriranno anche le mosche, ma di gotta…

  5. 30 luglio 12008 04:22

    Lo scrivo qui altrimenti lo dimentico… ho finalmente visto la luce: o meglio credo di aver capito il senso recondito della frase di Einstein. Infatti le api non solo fanno il miele, la cui perdita in caso di sparizione degli insetti di cui sopra sarebbe triste ma non sufficiente a causare la nostra estinzione; ma, incidentalmente e sicuramente last not least, sono una componente essenziale per l’impollinazione (e quindi per la sopravvivenza) di una bella fetta delle piante, comprese molte di quelle da frutto come pure di altre strettamente legate alla nostra produzione agricola. Per cui l’eventuale assenza degli imenotteri pungenti non potrebbe assolutamente passare inosservata, e purtroppo non si limiterebbe ad una crisi nei dolcificanti…

    E sì che certe cose le insegnano alle elementari, ma dove avevo la testa? 🙄

  6. 26 agosto 12008 02:19

    Bhe, non sei il solo ad averlo dimenticato 😉
    Meglio tardi che mai…
    viva le api!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: